Gelato in gravidanza: sì o no?

News

22/08/2017

Gelato in gravidanza: sì o no?

Fin dai primi mesi di gravidanza, la cura dell’alimentazione è importantissima. “Cosa si può mangiare e cosa no” è uno dei primi problemi che una futura mamma si pone. In questo articolo parleremo di
gelato, uno degli alimenti più desiderati, soprattutto d’estate. Questo goloso e nutriente alimento fa bene o male? Ecco il parere degli esperti.
Lo stato di gestazione è sicuramente uno dei momenti più delicati nella vita di una donna. 

Il benessere della madre, l’andamento del parto e la buona salute del feto dipendono tutti dalla perfetta efficienza del suo organismo.

Per questo seguire una dieta ricca e variegata è fondamentale per proteggere e rafforzare il corpo della mamma durante la sua dolce attesa.
Nel periodo di gestazione, per la richiesta crescente del feto, aumenta via via il fabbisogno energetico: 100 - 150 calorie al giorno in più nella prima metà della gravidanza e circa 300 - 400 calorie in più nella seconda metà. La Vitamina E è indispensabile per la formazione dei tessuti dell’embrione, la vitamina D serve per rafforzare le ossa, la B riduce i disturbi intestinali della mamma, mentre la vitamina C rende il suo fisico più resistente alle infezioni.

Di fronte a questi bisogni, il gelato è l’alimento ideale, in quanto estremamente ricco di vitamine e sali minerali. La preparazione artigianale, inoltre, è particolarmente consigliata perché utilizza ingredienti naturali dove le vitamine non vengono denaturate ma conservano tutto il loro valore nutritivo.
La donna in gravidanza soffre inoltre spesso di problemi digestivi legati all’influenza del progesterone e alla crescita dell’utero che provoca modificazioni topografiche e funzionali dello stomaco e dell’intestino.
Il gelato, presentando un elevato contenuto calorico e vitaminico in un piccolo volume, aiuta ad evitare i problemi di ripienezza gastrica, causati invece dalla frutta intera. Il cibo freddo inoltre funge da ottimo “acceleratore della peristalsi”, ossia stimola i movimenti fisiologici dello stomaco e dell’intestino favorendone i processi digestivi.
Altro problema noto è la sete. La donna in stato interessante non dovrebbe bere troppo, sia per evitare una sovradistensione dello stomaco, sia per non aggravare la ritenzione idrica, che provoca edemi ed aumento di peso eccessivo. Un ottimo rimedio è il gelato che, con la sua funzione dissetante, riduce lo stimolo alla sete, limitando l’assunzione di liquidi.

Da ultimo, ma non meno importante, il gelato è consigliato anche per il periodo di allattamento. Il latte, per essere sufficientemente nutriente per il piccolo deve contenere almeno 800-900 calorie al giorno.
Per questo prodotti ricchi di latte e uova, e con abbondante contenuto di vitamine e sali minerali, come i gelati di frutta, sono l’ideale.

Concludendo il gelato è l’alimento perfetto per le donne in gravidanza e per le neo-mamme perché, oltre che essere buono, contiene tutto ciò di cui lei e il suo bambino hanno bisogno. Un’ottima notizia,
non pensate? Anche perché che “dolce attesa” sarebbe senza gelato?

28/09/2017
Autunno in gelateria: strategie di vendita
Leggi tutto »
14/09/2017
All Natural Core: la rivoluzionaria tecnologia estrattiva
Leggi tutto »
31/08/2017
5 modi alternativi per presentare il gelato
Leggi tutto »